Prestito ipotecario vitalizio: cos’è e come funziona?

Il prestito vitalizio ipotecario, un finanziamento che viene fatto senza rate e di solito riguarda persone fisiche che hanno almeno 60 anni ed hanno una proprietà su un immobile di tipo residenziale. Un prestito ipotecario vitalizio è un tipo popolare di rilascio di prestito detto anche di equità. Si tratta di un prestito a lungo termine che viene fissato sulla vostra proprietà. L’importo che si può prendere in prestito dipende dalla vostra età e dal valore della vostra proprietà. Non sarà necessario effettuare eventuali rimborsi entro la fine del piano.

Questo prodotto è nato in Inghilterra nel 1999 ma nel 2005 è stato introdotto in Italia e stabilisce che questo prestito o finanziamento a medio-lungo termine ha una capitalizzazione annuale ed inoltre c’è un rimborso integrale solo alla scadenza. Viene concesso con un’ipoteca sugli immobili residenziali, ma si tratta di un ipoteca di primo grado. Nonostante sia stato introdotto nel 2005 tra varie vicissitudini di natura burocratica è entrato in vigore in maniera effettiva e così come lo conosciamo adesso, il 2 marzo del 2016.

Questo tipo di prestito è una sorta di finanziamento a lungo termine che viene garantito da un ipoteca di primo grado sull’immobile di residenza della persona con età maggiore di 60 anni che ne ha fatto richiesta.

Il finanziamento non prevede rimborsi neanche per quanto concerne gli interessi, almeno fino a quando non morirà il contraente. Tutti gli interessi e le spese che riguardano il prestito vitalizio ipotecario verranno capitalizzate e saranno dovute soltanto alla scadenza con un rimborso. Ovviamente potrebbe essere possibile fare un rimborso con un procedimento anticipato, altrimenti in caso di morte del richiedente il debito cadrà agli eredi.

Il prestito non prevede il pagamento di una rata per tutta la durata, ma gli interessi e il capitale sono capitalizzati fino alla fine del finanziamento e maturano poi successivamente gli interessi. Ovviamente questo tipo di prestito vitalizio ipotecario, potrebbe essere abbinato anche ad una clausola contrattuale che magari potrebbe limitare il valore.

Se non ci fossero eredi il finanziamento viene estinto con la vendita dell’immobile ipotecato altrimenti saranno gli eredi che potranno conservare l’abitazione e quindi rimborsare il debito, oppure vendere l’abitazione e pagare il debito del finanziamento ottenuto dai loro genitori o parenti.

Ci sono diversi casi di rimborso integrale in unica soluzione del prestito vitalizio ipotecario e riguardano il decesso del proprietario del finanziamento, a meno che non intervengano gli eredi pagando quanto dovuto. C’è anche la possibilità di trasferire la proprietà data in garanzia, oppure ridurre il valore dell’immobile.

Potrebbero sorgere problemi qualora fossero fatti dei lavori alla casa che ne cambino il valore o se non fossero apportate delle modifiche all’immobile che ne garantiscano l’abitabilità.

Qualora il finanziamento nei casi citati non venisse poi rimborsato, la banca allora potrebbe vendere l’immobile al valore di mercato.

Il prestito vitalizio ipotecario può essere fatto su diversi tipi di immobili di tipo residenziale, ma di solito non viene concesso su immobili in zona di elevato rischio sismico oppure dove ci sono vincoli artistici o su case su cui grava un’ipoteca. La condizione sine qua non è che quell’immobile sia di tipo residenziale.

Per il prestito vitalizio ipotecario ovviamente visto il tipo di finanziamento, non sarà possibile vendere l’immobile durante la durata del finanziamento e non è neanche possibile affittarlo o sub affittarlo.

Ovviamente anche questo tipo di prestito ha degli svantaggi e dei rischi: infatti, se alla scadenza dei 12 mesi successivi alla scomparsa dell’intestatario del finanziamento, gli eredi, si trovassero nella impossibilità di rimborsare i soldi dovuti, potrebbero perdere la casa ipotecata.

Un’altra cosa da non dimenticare è che questo tipo di prestito fa maturare degli interessi che quindi faranno salire il costo che dovrà essere pagato in unica soluzione alla scadenza del finanziamento.