Pulizia dei materassi: come e quando si fa?

Si spende circa un terzo della vostra vita sul materasso. Quando è stata l’ultima volta che gli hai fatto una buona pulizia profonda? Il divano del soggiorno raramente utilizzato probabilmente sente le setole di un’aspirapolvere più spesso del vostro materasso fidato. E’ tempo di cambiare la situazione. Oltre a promuovere un sonno più piacevole e produttivo, in un ambiente pulito un materasso curato può durare più a lungo, e potrebbe anche aiutare a prevenire le brutte, per non parlare di costose, infestazioni parassitarie.

Si tratta di una iniziativa che va presa per evitare il peggio in termini di allergie.

Ai tempi in cui la maggior parte dei materassi possono essere capovolti, la saggezza convenzionale dice che si dovrebbe girare il materasso due volte l’anno (cambiando il lato invernale e quello estivo), e approfittare dell’occasione per pulirlo pure. Oggigiorno, un sacco di materassi, comprese le varietà del copriletto, non può essere trasformato perché hanno una parte superiore e inferiore corretta. Ma la pulizia del materasso due volte l’anno rimane una buona regola.

Controllare l’etichetta del materasso per le istruzioni dal momento che il produttore potrebbe raccomandare di ruotare la testa del materasso e i piedi, per garantire la regolarità di usura. Si tratta di un sistema ottimale e davvero prezioso per garantire la durata del materasso.

Innanzitutto, bisogna avviare il processo di pulizia mettendo a nudo il materasso da tutti i lenzuoli e la biancheria da letto. Per rimuovere le macchie difficili, è bene utilizzare sempre un detersivo e l’acqua calda; farlo asciugare bene e poi batterlo. Successivamente è bene anche passarci su l’aspirapolvere. Poi dovete prestare attenzione alle cuciture e fessure, dove lo sporco, la polvere, la pelle morta, e altre cose vengono raccolte.

Una volta che avete finito con l’aspirapolvere, verificate la presenza di macchie ed eventualmente trattatele con un detergente adatto. Una rimozione dell’odore di animali o una tappezzeria pulita o a base di enzimi in grado di disinfettare è l’ideale. Si può anche provare una semplice soluzione di un cucchiaino di bicarbonato ed un piatto detergente e un bicchiere di acqua calda. Successivamente spruzzate il bicarbonato su tutta la superficie.

Soprattutto se questa è la prima pulizia, non abbiate paura di svuotare un’intera scatola di bicarbonato sul materasso. Per ottenere risultati ottimali, lasciare il bicarbonato di sodio lì per 24 ore. Ciò significa che potrebbe essere necessario pianificare il progetto intorno a una notte in cui dovete essere disposti a dormire altrove nella vostra casa. Se è possibile inserire il materasso vicino a una finestra, la luce del sole aggiungerà il suo potere igienizzante.

Dopo che il bicarbonato di sodio ha avuto la possibilità di eliminare gli odori, tornare indietro sul materasso con l’attaccamento della tappezzeria. Se non si dispone già di un coprimaterasso, vi consigliamo di acquistarne uno.

Insieme con la pulizia profonda periodica, questi ulteriori livelli di protezione aiutano a prevenire gli acari, pulci e altri parassiti che sono presenti nel tuo letto. Questo dovrebbe aiutarvi a dormire meglio!